Ultima modifica: 19 Maggio 2021
I.C. "Melissa Bassi" > News > In ricordo di Melissa Bassi

In ricordo di Melissa Bassi

La nostra scuola, che orgogliosamente porta il suo nome, vuole ricordare Melissa Bassi con le parole di Fernando Orsini.
“19 Maggio 2012 – 19 Maggio 2021
9 anni da una tragedia devastante in cui mani criminali, scellerate ed assassine posero fine alla giovane esistenza di Melissa, sconvolgendo per sempre quella dei suoi genitori. 9 anni di incommensurabile dolore, più della metà di quanti Melissa ne aveva quel 19 maggio e ne avrà per sempre.
Quanta sofferenza e quante lacrime ho visto in questi lunghi anni rigare i volti di Rita e Massimo Bassi, il loro inconsolabile strazio, quanti ricordi collettivi e personali di infinita tristezza ma anche di tenera dolcezza nel pronunciare il nome di Melissa ed i suoi vissuti di adolescente.
Non poche volte in questi 9 anni anni mi è capitato di pensare alla donna che sarebbe stata oggi, ai progetti ed ai sogni che avrebbe già realizzato.
Vedere la sua stanzetta ordinata come lo era quel sabato mattina, la lucina soffusa sempre accesa come se fosse ancora lì dentro a studiare o davanti al pc, sentire la sua voce impressa nel telefonino della madre come se da un momento all’altro dovesse ritornare, le tantissime foto, le migliaia di messaggi di vicinanza e solidarietà a testimoniare l’enorme affetto e calore riversatole da ogni parte d’Italia… Ma poi, destandoti amaramente da un sogno fallace, realizzi che – per una spietata, assurda ed insensata furia omicida – nessuno potrà mai più vedere il suo volto dolce e sempre sorridente, sentire la sua voce, parlarle, accarezzarla, coccolarla, baciarla.
L’unico conforto è che potranno trascorrere gli anni, nulla potrà essere più come prima, ma la memoria di Melissa – e del Male assoluto che le è stato fatto – gelosamente custodita dai genitori, barriera contro ogni forma di oblio, è scolpita saldamente – oltre che in tutti i luoghi pubblici a lei intitolati e nell’intera comunità di Mesagne- nei cuori della sua mamma e del suo papà e da cui nessuno potrà mai sradicarla.”
Fernando Orsini




Link vai su